Le vendite di auto in Cina brillano mentre il resto del mondo è in balia del virus

3

Un cliente parla con un agente di vendita presso una concessionaria Ford a Shanghai il 19 luglio 2018. Il mercato automobilistico nella più grande economia asiatica è un punto luminoso solitario poiché la pandemia smorza le vendite in Europa e negli Stati Uniti Qilai Shen / Bloomberg

La domanda di auto in Cina sta andando sempre più rafforzandosi, rendendo il mercato automobilistico nella più grande economia asiatica un punto luminoso solitario mentre la pandemia di coronavirus mette un freno alle vendite in Europa e negli Stati Uniti

Le vendite di berline, SUV, minivan e veicoli multiuso sono aumentate del 7,4% a settembre rispetto all'anno precedente a 1,94 milioni di unità, ha affermato martedì la China Passenger Car Association. Questo è il terzo aumento mensile consecutivo ed è stato determinato principalmente dalla domanda di SUV.

Le consegne di veicoli passeggeri ai concessionari sono aumentate dell'8% a 2,1 milioni di unità, mentre le vendite totali di veicoli, inclusi camion e autobus, sono aumentate del 13% a 2,57 milioni, come hanno mostrato i dati rilasciati successivamente dalla China Association of Automobile Manufacturers.

Con le vendite di auto negli Stati Uniti e in Europa ancora influenzate dal COVID-19, il rilancio della domanda in Cina è un vantaggio per i produttori nazionali e internazionali. Secondo i ricercatori, tra cui S&P Global Ratings, è destinato a essere il primo paese a livello globale a riprendersi ai livelli di volume del 2019, anche se solo entro il 2022.

Le case automobilistiche di tutto il mondo hanno investito miliardi di dollari in Cina, il primo mercato automobilistico mondiale dal 2009, dove la classe media è in espansione ma la penetrazione è ancora relativamente bassa. Marchi di paesi come Germania e Giappone hanno resistito alla pandemia meglio dei loro concorrenti locali: la quota di mercato combinata dei marchi cinesi è scesa al 36,2% nei primi otto mesi da un picco del 43,9% nel 2017.

Anche se il mercato automobilistico cinese si riprende, potrebbe ancora registrare il suo terzo calo annuale consecutivo delle vendite, ha detto il mese scorso Xin Guobin, vice ministro presso il Ministero dell'Industria e dell'Information Technology. Ciò è dovuto al forte calo subito all'inizio dell'anno, durante il culmine dell'epidemia.

Indipendentemente da ciò, l'importanza della Cina è rafforzata dalla sua attenzione nel coltivare l'ecosistema delle auto elettriche, un cambiamento tecnologico in cui le case automobilistiche hanno investito molto tempo e denaro. Pechino vuole che i veicoli a nuova energia rappresentino il 15% o più del mercato nel 2025 e almeno la metà di tutte le vendite un decennio dopo.

Le vendite all'ingrosso di NEV, costituite da auto elettriche, ibride plug-in e auto a celle a combustibile, sono aumentate del 68% a 138.000 unità, un record per il mese di settembre, secondo CAAM.

Tesla Inc., che ha iniziato le consegne dalla sua gigafactory di Shanghai all'inizio dell'anno, ha venduto 11.329 veicoli, in calo rispetto agli 11.800 di agosto, ha affermato PCA. Il mese scorso la casa automobilistica americana si è classificata terza nei commerci all'ingrosso di NEV, dietro SAIC-GM Wuling Automobile Co. e BYD Co., ha aggiunto PCA.

PCA ha detto che si aspetta che i NEV contribuiscano a guidare la crescita complessiva delle vendite di auto nel quarto trimestre con l'introduzione di nuovi modelli competitivi, mentre la forza dello yuan aiuterà a ridurre i costi a livello locale.

Le vendite complessive di veicoli per l'intero anno dovrebbero essere migliori di una precedente previsione di una contrazione del 10% grazie alla ripresa della domanda, ha affermato Xu Haidong, vice capo ingegnere del CAAM, senza elaborare.


Tempo post: ottobre-20-2020